Pubblica i tuoi comunicati stampa online. Gratis!
INVIA COMUNICATO

In Versilia la terza tappa del tour tra coppie di chef stellati SINA CHEFS’ Cup Contest

Lucilla De Luca imagine communication

E’ in Versilia la terza tappa del tour tra coppie di chef stellati SINA CHEFS’ Cup Contest, dedicato quest’anno al design: martedì 21 maggio Viareggio dedica la serata ai due chef stellati Daniele Repetti e Filippo Saporito e alle loro creazioni inedite.

Il “Nulla” è il piatto che propone Repetti, ispirato alla lampada del designer piacentino contemporaneo Davide Groppi, che nasce da un’idea semplicissima di un buco nel soffitto che con uno speciale sistema ottico genera una meravigliosa luce, così la proposta culinaria dove il piatto sembra vuoto grazie ad un gioco di assonanze di colore e solo una minuscola foglia d’oro attira la vista come la luce rendendo tutto il dessert a base di cioccolato e lamponi invisibile.

“Square, circle, triangle” è invece la proposta di Saporito, una terrina di fegatini che prende ispirazione dalle forme utilizzate dal designer Bruno Munari per le sue creazioni.

La serata, aperta al pubblico previa prenotazione, prevede la possibilità di gustare un menu d’eccellenza di 4 portate, creato dai due chef con l’ausilio del resident chef Silvio Ghilardi del ristorante La Conchiglia, sul lungomare di Viareggio.

E’ proprio sulla terrazza del SINA Astor che gli ospiti avranno al possibilità di assistere ad uno show cooking d’eccellenza, degustare le nuove creazioni degli chef e partecipare ad una gara divertente dove la complicità e la capacità degli chef dovrà conquistare la giuria per il voto finale.

SINA CHEFS’ CUP CONTEST nasce dall’idea di creare cene evento in diverse località italiane, coinvolgendo coppie di grandi chef nel creare e riprodurre ricette ispirate ogni anno a temi diversi: dopo l’arte, i film, le fiabe, i fumetti, la moda e la musica nelle edizioni precedenti, ora l’ispirazione per la creazione di ricette inedite e originali è proprio dettata da forme, colori, progettazione, stili, per una gara di show cooking a coppie in 9 tappe, tutte aperte al pubblico.

Dopo Roma e Perugia è ora la volta di Viareggio, seguita da Romano Canavese, in provincia di Torino, il 18 giugno e poi Venezia il 16 luglio, Firenze il 24 settembre, parma l’8 ottobre e Milano il 22 ottobre, con la finale a seguire.

In ogni tappa una giuria di esperti vota la coppia di chef e le loro creazioni, secondo criteri di aderenza al tema scelto, complicità di coppia, bontà del piatto, rapporto qualità-prezzo, valore estetico e artistico; al termine della settima edizione, i due protagonisti della coppia vincitrice si affronteranno tra loro per una sfida d’eccellenza.

La competizione nasce proprio dall’idea che, oggi, l’enogastronomia è una vera e propria forma d’arte, con la possibilità da parte del pubblico, in questo caso, di fruire e digerire letteralmente le “opere d’arte” degli “artisti” chef.

E oltre ai grandi nomi nel design come Philip Stark, Gio Ponti, Giugiaro, Le Corbusier, che hanno saputo creare con le loro idee opere famose nel mondo, oggi il design ha contaminato anche i cuochi, che nelle loro creazioni culinarie inventano opere d’arte a base di cibo, da cui è nato il concetto di food design.

Palcoscenico d’eccellenza della manifestazione, gli alberghi del gruppo SINA HOTELS, che sin dagli esordi hanno abbracciato l’evento, quali interpreti della tradizione squisitamente italiana fatta di storia, cultura, arte, lusso ed eccellenza: SINA Villa Medici a Firenze, SINA Bernini Bristol a Roma, SINA Centurion Palace e SINA Palazzo Sant’Angelo a Venezia, SINA Brufani a Perugia, SINA Villa Matilde a Romano Canavese (TO), SINA The Gray e SINA De La Ville a Milano, SINA Maria Luigia a Parma, SINA Astor a Viareggio e SINA Flora a Capri.

Le serate sono vere e proprie cene esperienziali durante le quali il pubblico potrà conoscere gli Chef Mauro Buffo, Igles Corelli, Umberto De Martino, Giovanni Di Giorgio, Davide Figliolini, Michelino Gioia, Oliver Glowig, Paolo Gramaglia, Andrea Larossa, Erez Ohayon, Stefano Marzetti, Andrea Pasqualucci, Daniele Repetti, Filippo Saporito, Massimiliano Torterolo, Tino Vettorello, Massimo Viglietti e assistere dal vivo agli show cooking preparatori delle ricette in gara – grazie alla tecnologia messa a disposizione da Les Chefs Blancs, la scuola professionale di cucina e pasticceria.

I piatti saranno accompagnati da vini dell’azienda agricola Lanciani – Offida Passerina DOCG, Offida Pecorino DOCG e Trebbiano d’Indicazione Geografica Tipica Marche – e dall’eleganza dell’etichetta nera dell’acqua Ferrarelle Maxima – l’unica acqua effervescente naturale rinforzata con il gas della sua sorgente, creata proprio per l’alta ristorazione, nelle storiche sorgenti di Ferrarelle a Riardo -, insieme al Prosecco di alta qualità Frattina – che nasce dalla selezione di uve da alcuni tra i territori più vocati nelle zone di produzione della D.O.C.G. al confine tra Veneto e Friuli – e al mirto Zedda Piras, il tipico liquore ottenuto solo con bacche fresche di mirto che da oltre un secolo e mezzo è simbolo della Sardegna.

Per gli appassionati, quest’anno la possibilità di “assaporare” le ricette direttamente dalla voce degli chef, in collegamento radio con il programma di Radio Godot “Foodie in Town”.

Partner d’eccezione di SINA Chefs’ Cup Contest si conferma Diners Club, la prima carta di credito al mondo e in Italia con oltre 60 anni di storia, nata proprio nell’alta ristorazione per offrire privilegi unici ed esclusivi ai propri Soci, come in questa occasione per cui i soci in cui ci saranno agevolazioni e incontri dedicati con gli chef.

SINA CHEFS’ CUP CONTEST: LE DUE RICETTE IN GARA A VIAREGGIO

“Nulla” dello chef Daniele Repetti

Ingredienti per 4 persone: 100 gr di crumble al cioccolato, 100 gr di gelatina di lamponi, 200 gr di crema di latte, 5 gr di colla di pesce, 50 gr di zucchero, 20 gr di rum, 100 gr di cioccolato al latte, 1 foglia d’oro.
Procedimento: ponete il crumble di cioccolato sul fondo del piatto, con l’aiuto di una tasca da pasticceria coprite con un velo sottilissimo di cioccolato al latte. Fate affreddare e ponete al di sopra la gelatina di lamponi e fate raffreddare nuovamente. Portate a bollore la crema di latte con la gelatina, lo zucchero ed il rum, portate a temperatura neutra e coprite interamente il fondo del piatto in nascondendo il dolce. Decorate con la foglia d’oro e servite.

Square, circle, triangle” dello chef Filippo Saporito

Ingredienti per 6 persone:
Per la terrina: 200 gr di fegatini di pollo, 50 gr di cipolla, salvia q.b., olio evo q.b., 1/2 bicchiere di Vin Santo, 20 gr di panna fresca, 40 gr di burro.
Procedimento: pulire bene i fegatini di pollo e lavare abbondantemente in acqua fredda. Soffriggere la cipolla con la salvia e poi unire i fegatini e far cuocere a fuoco vivo. Salare, pepare e quando saranno ben dorati, aggiungere il vin Santo, far finire la cottura. Quando saranno freddi, metterli in un robot con il burro e la panna e frullare fino a che non abbiamo un patè liscio e vellutato. Stendere in una teglia con della pellicola sotto.
Per il pane all’uvetta: 500 gr di farina “0”, 250 gr di latte, 100 gr di burro, 2 uova, 20 gr di sale, 40 gr di zucchero, 150 gr di uvetta.
Procedimento: impastare in una planetaria tutti gli ingredienti, e mettere a lievitare in uno stampo per pane in cassetta. Cuocere in forno a 200 C° per circa 30 minuti. Quando il pane sarà freddo, tagliare una fetta e ricavarne un rettangolo che faremo tostare in forno. Poi tagliare un rettangolo di terrina e disporlo sopra al pane. Mettere delle gocce di cioccolato amaro, accompagnare con una carota tornita, sbollentata e passata in padella con abbondante burro caldissimo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: