Pubblica i tuoi comunicati stampa online. Gratis!
INVIA COMUNICATO

Un corso gratuito per allievi arbitri rugby, svolto all’interno del carcere

Giuseppantonio DE ROSA EXTRA - Social Rugby

Da Villa Fastiggi di Pesaro parte la sperimentazione nazionale.
Un corso gratuito per allievi arbitri rugby, svolto all’interno del carcere e aperto anche alla comunità libera.

Una scelta innovativa e coraggiosa, non esente da difficoltà che dovranno trovare giusta soluzione.
Sarà la Casa Circondariale di Pesaro ad ospitare tale formazione, articolandola in lezioni d’aula che si svolgeranno nelle giornate del 16, 23 marzo e 6, 13 aprile.

Lo Sport svolge un ruolo insostituibile nella promozione della persona, essenziale per riacquistare un ruolo positivo nella società: responsabilizza al valore delle regole coloro che le hanno violate e propone la possibilità di esserne garanti sui campi da gioco.

Accogliendo la proposta del gruppo sportivo “EXTRA – Social Rugby”, che da tre anni propone nell’Istituto la pratica e la conoscenza del gioco, la Direzione dell’Istituto ha così scelto d’incrementare le proprie attività trattamentali, cogliendone l’alto valore educativo e ponendo questa come prima esperienza nazionale nel suo genere.

«Con tale scelta – dichiara la Dr.ssa Enrichetta Vilella, responsabile dell’Area Pedagogica di Villa Fastiggi – intendiamo valorizzare l’impegno formativo-educativo del carcere di Pesaro a favore dei detenuti, in conformità con il dettato costituzionale e relativamente alla funzione della esecuzione della pena, tenuto conto dei valori di condivisione, appartenenza e rispetto che caratterizzano la disciplina sportiva del Rugby».

L’attività rientra nel protocollo firmato tra la Federazione Italiana Rugby e il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria che mira non solo al miglioramento della condizione psico-fisica della popolazione detenuta, ma anche al riconoscimento delle diversità culturali e dei rapporti interpersonali.

«Abbiamo offerto con convinzione il patrocinio a tale iniziativa – sostiene la Dr.ssa Daniela De Angelis, coordinatrice F.I.R. per i Progetti di Responsabilità Sociale – ritenendola peculiare per il consolidamento del protocollo “Rugby oltre le sbarre” che ad oggi coinvolge quindici istituti sparsi sul territorio nazionale e con numerose altre realtà in attesa di aggiungersi».

Sarà comunque necessario vagliare un programma che conceda ai detenuti abilitati al ruolo di allievo arbitro la possibilità di dirigere partite all’interno dei penitenziari che ospitano squadre non solo agonistiche e, con il ritorno in libertà, l’opportunità di essere inseriti in sezioni arbitrali tramite deroghe specifiche alle vigenti normative.

Convinto anche il sostegno del Comitato Rugby Marche e del suo Presidente, Maurizio Longhi, che affida la didattica a Giuseppe Biocca e Davide Gatta, rispettivamente coordinatore regionale C.N.Ar. e responsabile della formazione, entrambi arbitri nazionali.

«Nel nostro sport – spiega Biocca – l’arbitro è considerato un partecipante al gioco, uno che scende in campo per divertirsi assieme a giocatori e spettatori; deve però assicurare l’incolumità fisica dei partecipanti, garantendo l’equa contesa del pallone e in questo sta il suo essere giudice incontestabile dei fatti e delle regole. Anche da neofiti, il corso rappresenta il canale giusto per conoscere il gioco e apprendere quanto serve per interpretarlo al meglio… riservando anche molte occasioni di crescita professionale!».

Una scommessa importante anche per i partecipanti che arriveranno dall’esterno, decisi a vincere la diffidenza verso la realtà carceraria e chi la popola, con la sospensione del giudizio personale e la condivisione alla pari di un’esperienza sportiva.
Che non è solo scoperta di un ruolo nuovo, ma anche – e soprattutto – di un diverso compito.

Informazioni alla pagina Facebook “EXTRA – Social Rugby”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: