Pubblica i tuoi comunicati stampa online. Gratis!
INVIA COMUNICATO

Il “modello catanese” di Cosa Nostra nel nuovo libro di Sebastiano Ardita

Consuelo Balduini SEIF - Società Editoriale Il Fatto

Dopo le stragi del 1992 Cosa nostra ha cambiato pelle. È scesa a patti con la politica lasciandosi alle spalle la stagione del sangue e delle morti eccellenti.

E così ha riorganizzato le proprie fila secondo il “modello catanese” dove mafia e Stato vanno da sempre a braccetto. Niente più omicidi ma ricerca di nuove relazioni. Nasce così Cosa nostra SpA, una grande impresa che incrocia il suo enorme fatturato con gli interessi dei colletti bianchi che governano multinazionali, enti e istituzioni pubbliche. Un sodalizio che si fonda in modo sistemico su corruzione e collusione e contro il quale sono sempre meno efficaci gli strumenti di contrasto legislativi.

Sebastiano Ardita è stato Procuratore della Repubblica aggiunto presso il Tribunale di Catania e di Messina e componente della Direzione Distrettuale Antimafia, ove si è occupato di criminalità organizzata di tipo mafioso, di inchieste per reati contro la pubblica amministrazione e di infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti e forniture. Prima ancora ha diretto la direzione generale detenuti del DAP-Ministero della Giustizia. Attualmente è componente togato del Csm.

Link al booktrailer: http://bit.ly/2RZ1ih4

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: